Esami5 min read

ESAMI

PRELIMINARI

Sono gli esami che sostengono, obbligatoriamente, tutti i candidati esterni che abbiano presentato domanda di ammissione agli Esami di Stato.

L’ammissione agli Esami di Stato dei candidati esterni che abbiano presentato domanda entro i termini stabiliti (solitamente indicati dalla Circolare Ministeriale emanata ogni anno nel mese di ottobre), è subordinata al superamento di un esame preliminare inteso ad accertare, attraverso prove scritte e orali, le discipline previste dal piano di studi.

La domanda e la documentazione presentata sarà valutata dal Consiglio di Classe al quale il candidato è stato assegnato, sulla base delle indicazioni di una apposita commissione. Il candidato dovrà sostenere un esame su tutte le discipline dell’ultimo anno o degli anni per i quali non sia in possesso della promozione o dell’idoneità. Non potranno essere prese in considerazione domande trasmesse in tempi non utili per la definizione delle materie da sostenere per l’esame preliminare (almeno 20 giorni prima del calendario degli esami preliminari).

L’esame preliminare è sostenuto, nella, seconda metà di Maggio davanti al Consiglio della classe collegata alla commissione alla quale il candidato è stato assegnatoColoro che si non si presentassero al loro primo giorno di prove senza saranno d’ufficio considerati come rinunciatari. Per ottenere l’ammissione all’Esame di Stato il candidato deve raggiungere la sufficienza in tutte le discipline. L’esito dell’esame viene affisso all’albo dell’Istituto il giorno successivo allo svolgimento dello scrutinio.

SESSIONE 2020/21:

LINGUISTICO dal 19/05 al 26/05

Riferimenti normativi sugli esami integrativi e di idoneità

Esami integrativi ed esami di idoneità nei percorsi del sistema nazionale di istruzione – a.s. 2020/2021 – Esami integrativi ed esami di idoneità nei percorsi del sistema nazionale di istruzione – a.s. 2020/2021 – Miur

ESAMI DI IDONEITA’

Gli esami di idoneità – regolati dagli art. 192-193 del decreto legislativo 297/94 – sono prove scritte ed orali che possono sostenere gli studenti privatisti che intendono passare a una classe per la quale non possiedono titolo di ammissione. Se l’esito delle prove è positivo, lo studente ha la possibilità di frequentare la classe più avanzata per la quale ha fatto richiesta.

Gli interessati sostengono le prove di esame sui programmi delle classi precedenti quella alla quale aspirano.

Sono ammessi a sostenere gli esami per accedere all’anno successivo gli studenti che si ritirano entro il 15 marzo dell’anno scolastico in corso e coloro che si trovano nella condizione di voler recuperare alcun anni scolastici, tenendo tuttavia presente che gli esami di idoneità non comportano una riduzione della durata del corso di studi ma costituiscono solo una modalità di recupero di tutti gli anni scolastici persi, è necessario che lo studente abbia un’età non inferiore a quella di chi abbia seguito regolarmente gli studi.

ESAMI INTEGRATIVI

Gli esami di integrativi – regolati dal DL 323/99 e successiva OM. 90/2001 art.24 – sono prove che consentono il passaggio tra scuole di diverso ordine, tipo o indirizzo. Possono sostenere gli esami integrativi gli studenti ed i candidati promossi in sede di scrutinio finale che intendono passare alla classe per la quale possiedono titolo di ammissione, ma in istituti di altro indirizzo. Il passaggio avviene attraverso prove scritte ed un colloquio orale, limitatamente alle materie non comprese nei programmi della scuola di provenienza, adeguandosi in tal senso alla programmazione del nuovo Istituto per i vari indirizzi presenti ed a quanto disposto in merito dalle Linee Guida e dai DPR 87/88/89 del 2010.

Le domande di ammissione agli esami integrativi debbono essere presentate al Dirigente scolastico entro il 30/06 dell’anno scolastico di riferimento. La sessione unica degli esami integrativi generalmente si svolge nelle prima settimana di Settembre, prima dell’inizio delle lezioni dell’anno scolastico successivo, con calendario stabilito dal Dirigente Scolastico e pubblicato sul sito WEB dell’Istituto.

Non è consentito il passaggio ad altro indirizzo di studi per lo studente nello stato di sospensione del giudizio in presenza di debito. Eventuali domande di passaggio per allievi in tali condizioni verranno accettate, sempre entro il 30/06, con riserva.

ESAMI DI RECUPERO

L’art. 5 del D.M. 80/2007 afferma che, per le classi dal primo al quarto anno, “Nei confronti degli studenti per i quali, al termine delle lezioni, è stato constatato il mancato conseguimento della sufficienza in una o più discipline […] vengono comunicati gli interventi didattici finalizzati al recupero dei Debiti Formativi che la scuola è tenuta a portare a termine entro la fine dell’anno scolastico”;

– l’art. 6 del D.M. 80/2007. afferma che “A conclusione dei suddetti interventi didattici, di norma entro il 31 agosto dell’anno scolastico di riferimento, salvo particolari esigenze organizzative delle istituzioni scolastiche, e comunque non oltre la data di inizio delle lezioni dell’anno scolastico successivo, il Consiglio di classe, in sede di integrazione dello scrutinio finale, procede alla verifica dei risultati conseguiti e alla formulazione del giudizio definitivo che, in caso di esito positivo, comporta l’ammissione dell’alunno alla frequenza della classe successiva.”

Generalmente nelle prime settimane di settembre, prima dell’avvio dell’a.s. seguiranno verifiche (scritte/orali) per accertare il superamento della situazione di insufficienza e l’integrazione dello scrutinio finale davanti al CDC dell’a.s. passato: lo studente sarà ammesso alla classe successiva solo a seguito di una valutazione positiva.

Allegati



  • Dimensione del file: Download:

Potrebbero interessarti anche...